Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘frattini’

L'ad Fiat Sergio Marchionne, il presidente serbo Boris Tadic e il ministro degli Esteri Franco Frattini

L’arresto di Mladic non è una condizione necessaria per l’ingresso della Serbia in Europa. E’ il pensiero del ministro degli Esteri Franco Frattini, in visita a Belgrado. Il Paese di Boris Tadic sta lottando con tutte le sue forze per entrare nell’Unione europea. Ma quello dei criminali di guerra resta un nodo cruciale.

“Abbiamo ripetuto più volte che il principio è quello della piena cooperazione”, dice Frattini. Per il ministro, la totale collaborazione delle istituzioni serbe col Tribunale penale internazionale (Tpi) sarebbe sufficiente a permettere l’adesione alla Ue. “Lo status di candidato all’Unione dipende da criteri prestabiliti e validi per tutti. Non possiamo pensare a condizioni aggiuntive per i singoli Paesi”. Vale a dire: non possiamo inserire una “clausola Mladic” per la Serbia.

Ratko Mladic, accusato di genocidio per Srebrenica, dove nel luglio 1995 vennero uccisi 8 mila musulmani

Il sostegno di Frattini non è del tutto disinteressato. I legami economici tra i due Paesi, che nel 2009 hanno stipulato un accordo di partenariato strategico, sono forti. I serbi esportano molto nel Belpaese. E attendono anche Paolo Romani, ministro dello Sviluppo economico, che arriverà in visita venerdì 11 febbraio. Senza dimenticare gli investimenti Fiat a Kragujevac. Una Serbia in Europa sarebbe sicuramente più forte. E renderebbe più forte l’Italia.

Ma cosa ne pensa Bruxelles? Serge Brammertz, procuratore capo del Tpi, andrà presto a Belgrado. “Riconosco che ci sono persone che stanno compiendo perfettamente il loro lavoro – diceva il procuratore a novembre – ma altre potrebbero compierlo in maniera più professionale”. Forse catturare Mladic non è una condizione necessaria per entrare in Europa. Ma di sicuro lo è l’impegno totale per trovarlo.

Read Full Post »

Alessandro Maran (Pd) è favorevole all'ingresso della Serbia nella Ue

“L’ingresso nell’Unione europea degli Stati ex-jugoslavi è uno dei pochi temi che uniscono maggioranza e opposizione”. Alessandro Maran, vicepresidente del gruppo Pd alla Camera, è felice dell’avvicinamento di Belgrado all’Europa. Pochi giorni prima di Natale il presidente serbo Boris Tadic ha presentato la domanda ufficiale di ammissione alla Ue: un passo già annunciato dal ministro degli Esteri italiano Franco Frattini (Pdl), che qualche settimana fa aveva rivendicato il ruolo svolto dal suo governo nelle trattative con il Paese balcanico.

Ha ragione l’onorevole Maran: l’accordo bipartisan sull’entrata in Europa della Serbia è decisamente una notizia, a maggior ragione se lo si inserisce in un clima politico che tanti definiscono “avvelenato” e “colmo di odio”. Le ragioni dell’intesa tra gli schieramenti si trovano nelle parole dello stesso parlamentare a L’Unità: “Una più stretta integrazione con i nostri vicini consente di sviluppare meglio i rapporti commerciali, facilita gli approvvigionamenti energetici, permette di regolare meglio i flussi migratori”. Vantaggi per tutti, insomma, soprattutto dal punto di vista economico. E pazienza se i criminali di guerra serbi Mladic e Hadzic, ricercati dal Tribunale internazionale per l’ex-Jugoslavia, non sono stati ancora catturati.

Il presidente serbo Tadic e Berlusconi. Il governo italiano sostiene Belgrado nel cammino europeo

“Con Tadic la collaborazione verso il tribunale dell’Aja è cresciuta – dice Maran. – Anche l’Olanda, che proprio a causa della vicenda Mladic aveva i dubbi più forti sull’apertura a Belgrado, li ha rimossi”. L’onorevole si riferisce al via libera dato qualche settimana fa dai Paesi Bassi all’accordo commerciale di libero scambio e alla liberalizzazione dei visti tra la Serbia e gli Stati dell’Unione. In effetti Bruxelles sembra sempre più convinta della sua “distensione” verso Belgrado, isolata dalla comunità internazionale dopo le guerre degli anni ’90.

Oggi il cammino verso l’Europa sembra in discesa, tanto da far ipotizzare l’ammissione serba alla Ue nel 2014. Poco importa se l’esecutivo di Tadic si rifiuta ancora di accettare l’indipendenza del Kosovo, riconosciuto come Stato autonomo dalla stessa Italia: secondo Maran, “crescendo l’integrazione interstatale, con tutti i vantaggi economici connessi, la questione dei confini nazionali diventa progressivamente meno importante”. Le autorità serbe possono dormire sonni tranquilli: Roma non ostruirà la strada tra Belgrado e Bruxelles, che ormai sembra sempre più breve.

Leggi anche: Serbia verso l’Europa. Criminali di guerra inclusi?

Read Full Post »

Il presidente serbo Tadic in visita a Roma lo scorso novembre

La Serbia potrebbe entrare nell’Unione europea. La strada che porta da Belgrado a Bruxelles, finora costellata di incidenti, oggi pare essere più agevole. I ministri degli Esteri dell’area Ue hanno approvato la liberalizzazione dei visti e un accordo di libero scambio con il Paese guidato da Boris Tadic: un disgelo che interrompe l’isolamento seguito alle guerre balcaniche. La svolta è merito soprattutto dell’Olanda, anche se l’Italia rivendica il ruolo svolto nelle trattative.

Il problema che fino a oggi ha ostacolato il cammino europeo della Serbia è la ricerca dei criminali di guerra degli anni ‘90. Le istituzioni comunitarie si aspettano collaborazione da Belgrado per trovare Goran Hadzic, ex capo militare dei serbi di Croazia, e Ratko Mladic, ex comandante dei serbi di Bosnia. Il primo è accusato di aver deportato e ucciso migliaia di persone. Sul secondo pende l’imputazione di genocidio per la strage di Srebrenica del luglio 1995. Nel massacro di 8.000 bosniaci musulmani sarebbe coinvolto anche Radovan Karadzic, ex presidente della Repubblica serba di Bosnia, arrestato nel 2008 e ora sotto processo a L’Aja, sede del Tribunale internazionale per l’ex Jugoslavia e del governo olandese.

Ratko Mladic e Radovan Karadzic, accusati di genocidio e crimini di guerra

I Paesi Bassi hanno sempre frenato l’avvicinamento della Serbia alla Ue, chiedendole un maggior impegno nelle indagini sui latitanti. Ora però l’esecutivo di Jan Peter Balkenende ha cambiato strategia, dando il via libera alla “distensione” promossa da Bruxelles. Un’apertura che dovrebbe stimolare Tadic a stringere i tempi, contribuendo alla cattura di Hadzic e Mladic entro i primi mesi del 2012, quando scadrà il mandato dei giudici de L’Aja.

Secondo Franco Frattini, la Serbia potrebbe presentare la domanda di adesione all’Unione già entro Natale. L’Italia, dice il ministro degli Esteri, “è stata leader” nei negoziati che hanno portato al “tanto atteso e auspicato” passo avanti di Belgrado. Se può contare sull’appoggio del nostro Paese, Tadic deve però fare i conti con l’ opposizione della Bosnia, che pretende le scuse ufficiali per l’eccidio di Srebrenica. Il percorso dai Balcani a Bruxelles, insomma, è ancora lungo. Anche se da oggi sembra un po’ meno impegnativo.

Leggi anche: Se la Serbia “europea” mette d’accordo Pd e Pdl

Read Full Post »